Nuove Torreanesi

IMAGE In chiesa a Prestento rubate le offerte Pascolini: atto indegno

Hanno forzato la serratura della porta laterale d’accesso alla chiesa di San... Leggi tutto...

IMAGE Il sindaco sollecita la riapertura a Cividale del pronto soccorso

«La riapertura del punto di primo intervento, da mantenere attivo sulle 24... Leggi tutto...

IMAGE CORSO DI SCI SUL MONTE ZONCOLAN

- GRUPPO ALPINI TOGLIANO- ASS. NAZ. ALPINI SEZ. CIVIDALE del FRIULI con il... Leggi tutto...

IMAGE Alla riscoperta di Torreano raccontando i suoi toponimi

La storia di una comunità, raccontata attraverso i suoi toponimi. È la nuova... Leggi tutto...

Sette studenti premiati nel ricordo di Marseu

Si è rinnovata sabato scorso, a San Leonardo, la tradizionale cerimonia di... Leggi tutto...

Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere via e-mail le "Nuove Torreanesi" !

NOTIZIE TORREANESI

Altre scoperte degli speleologi nella grotta svuotata dall’acqua

È stato esplorato il Foran di Landri: ci sono volute 10 ore per prosciugare 3 sifoni, Stupisce la presenza di alcune cavallette che fa ipotizzare un terzo ingresso.
di Lucia Aviani

Quante sorprese nasconde il Foran di Landri, intricata cavità sotterranea che si sviluppa sul territorio di Prestento di Torreano? Tante, senza dubbio, e tutte di estremo interesse. A queste conclusioni sono giunti gli esperti dell’associazione Forum Julii Speleo, protagonisti, i giorni scorsi, di una complessa missione di studio il cui esito pone nuove pietre miliari nella conoscenza della grotta. Ormai certa, anzitutto, è la presenza di un secondo ingresso, che deve però essere ancora localizzato. Probabile, inoltre, un ulteriore collegamento con l’esterno in un punto in cui, con stupore, gli speleologi si sono trovati di fronte delle cavallette.

Ma andiamo per ordine. Esplorato solo da pochi, finora, il Foran di Landri si articola in una serie di sifoni, invasi dall’acqua. Per l’esplorazione s’imponeva dunque il loro svuotamento, effettuato tramite tre pompe elettriche: solo dopo dieci ore di lavoro la prima squadra, composta da sette persone, ha potuto entrare. Dopo aver percorso i primi due sifoni, estremamente fangosi, gli esploratori hanno raggiunto un ambiente concrezionato che definiscono «stupendo, vergine, con centinaia di delicati “spaghetti” che pendono dal soffitto, colate calcitiche, vaschette piene d’acqua». Insomma «uno spettacolo, perché in poche grotte si può trovare un simile contrasto di colori e morfologie».

È quindi iniziato lo svuotamento del terzo sifone, accessibile dopo l’aspirazione di 6.440 litri d’acqua. Risalendo il camino gli speleo hanno avvertito una corrente d’aria sempre più forte, indizio di un ingresso in alto: si sarebbe voluto procedere, per scoprire il secondo accesso al Foran, ma la roccia si presentava cedevole. Resta da esplorare il quarto sifone, in cui non si è mai avventurato nessuno: è stata dunque programmata una nuova campagna di tre giorni, ad agosto, per “conquistare” il meandro instabile sopra citato e, appunto, per vuotare il quarto sifone, in modo da poter raggiungere ambienti sconosciuti. Gli esperti hanno anche rilevato un cunicolo non mappato sul rilievo depositato a catasto nel 1991.

Sorprendente, infine, la presenza di alcune cavallette, in un punto racchiuso fra due sifoni completamente allagati: è l’indizio dell’esistenza di un’altra galleria, che fa dunque ipotizzare un terzo ingresso. Se ne saprà di più in agosto. «Doverosi – sottolineano gli speleo – i ringraziamenti al sindaco

di Torreano, Roberto Sabbadini, e alla sua amministrazione, che ci ha supportato nel progetto, al gruppo alpini di Prestento, per la preziosa collaborazione, alla Sfedil E-mac di Udine, che ci ha fornito gratuitamente il materiale necessario, e alla Pro loco Val chiarò».

Vedi QUI' tutte le foto della missione effettuata dall'Associazione Forum Julii Speleo.

FORANDILANDRI

Torreano Music Day

TMD

 

Torreano Music Day 2018
SPECIAL GUEST: Doro Gjat

 

SABATO 28 LUGLIO dalle ore 17.00
Area campo sportivo  - via Vignis 33040 Torreano UD

partecipa all'evento ! ;-)

Torreano Music Day è un evento che si propone di promuovere la cultura e lo scenario musicale locale. Nasce dall’iniziativa di un gruppo di giovani e da quest’anno, collaborando con la Proloco, il Comune di Torreano e USD Torreanese, l’organizzazione si presenta con un volto nuovo, più attuale e dinamico.

Dopo il successo della prima edizione 2017 che ha visto come protagonisti i gruppi THE SIDEWALK BAND, ALL DAY DUST e in chiusura i CINQUE UOMINI SULLA CASSA DEL MORTO, lo staff ha deciso di presentarsi in questa seconda edizione con l’introduzione di nuovi talenti “friulani”. L'evento inizierà già alle ore 17:00 con aperitivo più Dj set di GABRIELE DOSE, alle ore 18:00 inizio live dei gruppi:
ALL DAY DUST, ARITMIA e in chiusura DORO GJAT.

Alle ore 21:45 verrà effettuata la sfida MAN VS FRICO (con iscrizione).

programma:
- Ore 17:00 Aperitivo e Dj set live by Gabriele Dose
- Ore 18:00 Musica live delle band All Day Dust e Aritmia Official
- Ore 21:45 Sfida MAN VS FRICO AL TMD (se vuoi partecipare iscriviti!)
- Ore 22:30 Doro Gjat - Orizzonti Verticali live
In conclusione Dj set live by DVRS fino a chiusura.
I chioschi saranno forniti di cibo e bevande.

Durante l'evento funzioneranno chioschi forniti di cibo e bevande.
INGRESSO LIBERO!

SABATO 28 LUGLIO 2018 dalle ore 17.00
Lo staff dei giovani Torreanesi Vi aspetta numerosi !

35053481 1982721435112146 7695881787209154560 o

TorreanoMusicDay 2018



Il sindaco: Pascolini era stimato e benvoluto da tutti

TORREANO. Ha suscitato ampio cordoglio, a Torreano, la prematura scomparsa di Franco Pascolini, l’elettricista che nella tarda mattinata di domenica è stato stroncato da un malore, all’età di 63 anni appena, sulla strada che attraversa Cormòns, mentre stava tornando in bicicletta da Trieste.

Figura conosciutissima nel centro valligiano, dove risiedeva con la famiglia, ma pure in vari Comuni del circondario, in ragione del suo lavoro, Pascolini era persona profondamente stimata e benvoluta.

Lo confermano le parole del sindaco di Torreano, Roberto Sabbadini, che lo dipinge come «un grandissimo lavoratore» e ne evidenzia, in particolare, la rara disponibilità.

«A nome dell’amministrazione – dichiara il primo cittadino – esprimo la più sentita vicinanza alla famiglia, costretta a vivere il dramma di un distacco improvviso e inaspettato. Piangiamo un concittadino che con i suoi modi di fare, da un lato, e dall’altro con le qualità dimostrate nella sua professione, aveva saputo conquistarsi la stima, la fiducia e la benevolenza di tutti e non soltanto qui a Torreano».

Di indole riservata, Pascolini viene ricordato per l’impegno con cui si dedicava al proprio lavoro e per la solerzia che dimostrava nei confronti di chiunque gli chiedesse un aiuto.

La data dei funerali non è stata ancora fissata; sembra tuttavia (ma manca ancora l’ufficialità) che non si renderà necessaria l’autopsia sul corpo dell’uomo, che era stramazzato al suolo all’improvviso e che le pur immediate, subito competenti manovre di soccorso non erano riuscite a strappare alla morte.

I primi a cercare di rianimarlo erano stati, per pura casualità, un medico anestesista e un’infermiera di pronto soccorso, i quali viaggiavano sull’automobile che seguiva la comitiva di ciclisti chiusa proprio da Pascolini. (l.a.)

Cade con la bicicletta, muore a 63 anni

Franco Pascolini, elettricista di Torreano, ha perso la vita a Cormòns durante un’uscita con il suo gruppo.
di Stefano Bizzi e Lucia Aviani

TORREANO. Hanno fatto di tutto per cercare di rianimarlo, ma non c’è stato nulla da fare. Franco Pascolini, elettricista di 63 anni, è morto a Cormòns, sul ciglio della strada, al ritorno da un giro in bicicletta con gli amici. Si è conclusa in modo drammatico la vita del sessantatreenne cicloturista di Torreano di Cividale che ieri mattina era uscito in bici in compagnia.

L’incidente è avvenuto sulla strada del rientro poco dopo mezzogiorno. Il gruppo era arrivato fino a Trieste e stava rientrando nel Cividalese, ma alle porte dell’abitato di Cormòns, mentre percorreva via Vino della pace, all’altezza della Anc-Arredamenti navali e civili, Pascolini è rovinato a terra e non si è più rialzato.

Secondo quanto riportato dalle testimonianze degli stessi amici, il sessantatreenne elettricista friulano ha improvvisamente perso il controllo del mezzo ed è crollato sull’asfalto. Vani, purtroppo, i soccorsi, per quanto già un istante dopo l’incidente, sul corpo esanime dell’uomo siano state eseguite avanzate manovre di rianimazione: casualità ha voluto, infatti, che a bordo dell’auto che seguiva il gruppo di sportivi viaggiassero un medico anestesista e un’infermiera che lavora proprio al pronto soccorso.

Per un quarto d’ora abbondante - fino all’arrivo dell’ambulanza - i due professionisti hanno cercato di salvare la vita dell’uomo. Il personale sanitario sopraggiunto poco più tardi ha poi utilizzato il defibrillatore, ma tutti i tentativi si sono rivelati inutili. Pascolini è rimasto inerme sul pietrisco e il suo corpo è stato pietosamente coperto da un lenzuolo sotto gli sguardi attoniti e la disperazione del gruppetto di amici con cui ieri mattina era partito da Cividale e con il quale, appena un paio d’ore prima della tragedia, aveva festosamente bevuto il caffè in piazza Unità d’Italia a Trieste. Sui volti degli amici che smontavano la bicicletta per caricarla in macchina e riportarla a casa si poteva leggere un senso di smarrimento e di incredulità. Dopo il nullaosta del magistrato, il corpo di Pascolini è stato trasferito all’ospedale di Gorizia dal personale delle Onoranze funebri Preschern. La salma è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria del capoluogo isontino. Non è ancora stato chiarito se a causare la morte dell’uomo sia stato un malore fulminante o se Pascolini sia deceduto per le conseguenze della caduta. Di certo, il cicloturista indossava il caschetto protettivo e non risultano cause esterne.

Pascolini lascia la moglie e due figli. A raccogliere le testimonianze degli amici sono stati i carabinieri della stazione di Cormòns. Gli uomini della Compagnia di Gradisca fino alle 14.30 hanno anche regolato il traffico.

Trasporti treno-bus, nuove tariffe

CIVIDALE. Lunedì 25 giugno prenderà avvio un progetto sperimentale di integrazione tariffaria fra i servizi di trasporto su gomma e su rotaia nell’area del Cividalese, primo “step” di un più ampio percorso di sinergia tra l’operatore regionale Autoservizi Fvg Spa Saf e l’impresa ferroviaria Fuc.

Posto sotto il coordinamento e il controllo della Regione, l’intervento si pone l’obiettivo di offrire un vantaggio tariffario alla clientela che si sposta fra Cividale e Udine e che è in possesso di abbonamento. Nell’operazione sono comprese le località intermedie e il servizio urbano nel capoluogo friulano. Chi viaggia con Saf dai Comuni delle Valli del Natisone (Torreano, San Pietro al Natisone, Pulfero, Savogna, San Leonardo, Grimacco, Drenchia, Stregna, Prepotto, cui si aggiunge Dolegna del Collio) a Cividale potrà dunque fruire di un abbonamento integrato a prezzo agevolato, che gli consentirà di utilizzare sia il servizio ferroviario della tratta Cividale-Udine, sia quello urbano di Udine (sempre con la Saf).

Il possesso dell’abbonamento integrato permetterà inoltre di accedere ai servizi di navetta extraurbana che collegano l’autostazione udinese al Centro studi, sia di primo mattino (nella fascia 7.30-7.40) che alle 13.15, nonché di beneficiare delle promozioni “Pomeriggi urbani Saf” e “Saf ti porta in vacanza”.

Alla clientela sarà dunque data la possibilità di scegliere tra l’acquisto di un abbonamento integrato Saf-Fuc (disponibile nelle biglietterie computerizzate delle due realtà) o di uno valido solamente per i servizi di una delle aziende. Per informazioni più dettagliate, si può consultare il sito di Fuc e Saf, rispettivamente www.ferrovieudinecividale.it e www.saf.ud.it. (l.a.)

  Valchiarò loghi pie2 loghi pie5 loghi pie6 loghi pie3 loghi pie7 loghi pie4 loghi pie8 loghi pie9

::: Associazione PRO LOCO di TORREANO :::
Associazione di Promozione Sociale iscritta al N.335 del Registro Regionale
Via Principale, 21 - 33040 Torreano - Udine - Italy - C.F./P.I. 01458010301
E-mail: proloco@torreano.net  | E-mail Pec: proloco.torreano@pec.it |  All rights reserved © 1999/2021